Questo percorso è una delle escursioni proposte all'interno del 'percorso padre' 2 Ruote 2 Regge.

Pedalare per divertirsi, questo sempre. Ma anche per osservare quello che ci circonda e per scoprire come l'uomo ha agito sul territorio, come ha faticato, ha costruito, trasformato, prodotto.

Il percorso 'il lavoro dell'uomo' parte da Racconigi dove è ancora possibile avvicinarsi ad alcuni palazzi che furono sede di importanti setifici. Racconigi fu infatti – a partire dal '400 e per i quattro secoli successivi – fu un importantissimo centro per la produzione della seta con 33 filatoi e circa 4000 addetti.

Da Racconigi si può pedalare verso Caramagna e qui, poco dopo aver attraversato la ferrovia, sarà impossibile non notare 'I Grandi Magazzini', l'enorme costruzione in calcestruzzo che serve a stoccare granaglie e farine.

A Carmagnola, dove si giunge attraversando il Bosco del Merlino e incontrando alcune cascine tipiche piemontesi, ci si avvicina ad un altro filato di origine naturale: la canapa. Visitando il Museo si scopre che lo sviluppo agricolo della città di Carmagnola si è basato per decenni sulla coltivazione della canapa.

E poi il percorso vi condurrà verso Carignano e verso Piobesi. Si attraversa il fiume, prima per entrare in Carignano, poi sulla strada del ritorno pedalando da Piobesi verso Carmagnola. L'acqua e la fitta rete di bialere e mulini hanno rappresentato e rappresentano ancora oggi una risorsa indispensabile per l'attività umana e le coltivazioni di questo territorio. Facendo una breve deviazione dal percorso sarà possibile osservare il partitore idraulico che regola in flusso del torrente Oitana.

Rientrando verso Carmagnola sarà interessante pedalare nell'area protetta del Po Morto e dei laghi di cava situati ai margini della Lanca di San Michele. Qui è sarà possibile fermarsi per osservare come le cave hanno trasformato il paesaggio naturale.

Prova questo percorso con l'app Cicloturismo Piemonte

Mappa